Lego Jaw 2

I Lego Jaws 2 sono tra i giochi più divertenti mai creati e sono una perfetta interazione tra videogioco e giocattoli Lego basata su varie ambientazioni e personaggi. La logica del gioco segue quella della serie Skylanders, Disney Infinity e Amiibo di Nintendo e il giocatore ha delle minifigure Lego e un portale che può essere giocato nel gioco stesso. I video sono poi doppiati con suoni e voci. La loro realizzazione è abbastanza semplice, anche se tutto è reso facile dai progressi nell’elettronica di consumo. Ecco come viene creata un’animazione con i Lego.

Come viene realizzata un’animazione con i Lego

Per realizzare un’animazione con i Lego occorrono: le costruzioni Lego, una macchina fotografica digitale, una buona illuminazione, un computer con un software per modifica di video. Se possibile, per iPod, iPhone o iPad, ci sono diverse app per creare dei filmati. Inoltre, è anche possibile usare la macchina fotografica 3DS.

Per prima cosa viene organizzata la scena, che può essere realizzata con il Lego, con uno scenario reale o con entrambe le cose. Successivamente vengono preparati gli attori Lego, poi viene posizionata la scena iniziale del video e la macchina fotografica.

La macchina fotografica deve essere ben ferma altrimenti il video finito si vede confuso. Per tenerla ferma è preferibile che sia posizionata su un treppiede. A questo punto gli attori sulla scena vengono messi in movimento leggermente, basta spostare il personaggio di qualche centimetro sulla piattaforma. Poi si prosegue in questo modo fino alla fine del video.

Per impostazioni fps variabili va bene qualsiasi applicazione di arresto di movimento, ma in genere è consigliabile una che si può configurare a 15 fps per ottenere risultati migliori. Con iMovie, Windows Movie Maker o un altro programma si creano i filmati, quindi si importano le foto, si mettono nell’ordine corretto e si cancellano quelle che non servono.

A questo punto si guarda il film utilizzando l’impostazione presentazione. Per ottenere un’animazione fluida utilizzare un software come Bafran per fare volare, saltare o galleggiare un personaggio Lego. Tenere presente che la scena o la macchina fotografica non viene spostata a meno che si desideri avere un punto di vista differente.