Dieta personalizzata per dimagrire: sembra facile…

Ma non sempre lo è! Una dieta personalizzata riduce tutte le porzioni di ciò che amiamo mangiare, fornendo sicuramente un regime alimentare valido, ma provocando a volte anche una grande frustrazione. Perché?

dieta che funziona 300x300

Mini porzioni dietetiche delle nostre golosità

Una dieta personalizzata con 50 grammi di pasta, per molte persone rappresenta una sorta di affronto. Certo, un programma alimentare pensato sulle proprie esigenze sembra interessante, ma non sempre funziona.

Di regola, una dieta personalizzata significa prima di tutto valutare un piano di nutrizione in base non solo al peso ma anche alla propria costituzione, alla massa magra, al tipo di vita che si svolge, alle eventuali patologie o tendenze ad ingrassare.

Il taglio calorico, comunque, è inevitabile e la dieta che tiene conto dell’individualità arriverà comunque al punto di creare un piano di alimentazione giornaliero con poche calorie, porzioni ben poco abbondanti di carboidrati e grassi.

In una dieta personalizzata sono inclusi gli alimenti che piacciono, per fare in modo che venga seguita nel lungo periodo. Il punto è questo: una dieta che non rinuncia agli alimenti più desiderati, cerca di inserirli in settimana, per evitare di proibire ma pensare a limitarne le quantità.

Quanto dura una dieta? Dipende dagli obiettivi

In questo modo, una dieta potrà durare a lungo, per arrivare a perdere peso nel giro di diversi mesi, e nei casi di obesità anche un anno, e rappresenta un metodo che ha dei vantaggi per alcuni soggetti, ma che non riesce a farsi amare né a trattenere dagli sgarri molti altri.

Se la dieta è pensata per cambiare abitudini alimentari in modo stabile, si rischia di non farcela ma si può tentare, e i risultati in termini di dimagrimento non saranno immediati.
Se la dieta è solo finalizzata a perdere peso, allora in molti pensano: dieta personalizzata? No grazie!

Meglio stare “a stecchetto” con sostitutivi del pasto come le barrette oppure i sandwich dietetici, e poi una volta raggiunti i risultati concedersi di mangiare quello che si vuole.

Se non ci sono patologie né situazioni critiche, si può dimagrire velocemente adottando un regime alimentare più severo, ma poi iniziare un mantenimento già dopo un mesetto. Studiare le tante opportunità dei pasti sostitutivi e delle diete ipocaloriche, può essere un’opportunità prima dell’estate.